Ricette tradizionali

Le grandi aziende si liberano dalle gabbie

Le grandi aziende si liberano dalle gabbie


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

L'allevamento di uova senza gabbia è in aumento, ma il nostro sistema è pronto per il passaggio?

Il gioco sta cambiando per l'allevamento di polli su larga scala, National Public Radio, Radio Pubblica rapporti. A causa della crescente domanda da parte dei consumatori di prodotti senza gabbie uova, aziende come Aramark, un fornitore di cibo per scuole e carceri, e Unilever, che è responsabile della maionese di Hellmann, si stanno rivolgendo a produttori più piccoli.

Oggi, il 90% delle uova consumate negli Stati Uniti proviene da polli in gabbia. I gruppi per il benessere degli animali hanno da tempo protestato contro questa pratica, poiché più uccelli sono spesso stipati in una piccola unità chiamata gabbia per batterie.

I polli non tenuti in gabbia mostrano un comportamento più naturale, come appollaiarsi e fare il bagno di polvere, e conservano più piume. Eppure uno studio del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti conclude che non vi è alcuna differenza nel contenuto nutrizionale tra le uova allevate in fabbrica e quelle libere da gabbie.

Dal punto di vista del consumatore, le uova da allevamento all'aperto sono più costose delle loro controparti in gabbia, poiché costa di più per gli agricoltori produrle. È necessario più spazio per ospitare meno uccelli e i polli stessi vengono nutriti con un mangime di qualità superiore.

Tuttavia, le grandi aziende stanno ascoltando le crescenti preoccupazioni del pubblico e fanno promesse di uscire dalle gabbie. Il problema è l'approvvigionamento. La domanda di uova da allevamento all'aperto potrebbe essere in aumento, ma la riluttanza dei fornitori di uova ad aumentare i costi di produzione sta lasciando molte aziende nei guai.


Cosa significa esattamente "senza gabbia"?

Il termine "senza gabbia" ha fatto molto scalpore ultimamente, soprattutto dallo scorso autunno, quando McDonald's si è impegnato a passare lentamente a tutte le uova senza gabbia. Seguirono dozzine di altre grandi aziende, tra cui Taco Bell, Costco e Nestlé (ma solo per i suoi prodotti americani, come la pasta per biscotti Toll House). All'inizio di questo mese, Walmart, il più grande rivenditore del paese, ha anche affermato che passerà a tutte le uova senza gabbia entro il 2025.

Gli attivisti per il benessere degli animali affermano che gli annunci sono un enorme passo nella giusta direzione, perché significa che queste grandi aziende non serviranno o venderanno più uova di galline tenute in batteria. McDonald's acquista ogni anno 2 miliardi di uova per le sue sedi negli Stati Uniti, quindi quando l'azienda attuerà completamente il passaggio alla gabbia libera entro il 2025, migliorerà la vita di circa 8 milioni di animali. Walmart non rivela quante uova vende, ma si stima che sia anche in miliardi.

Qui in California, le gabbie in batteria erano il problema della Proposition 2, una legge approvata nel 2008 con il 63% dei voti. A partire da gennaio 2015, tutte le uova vendute in California, per legge, devono provenire da polli allevati in un ambiente sostanzialmente privo di gabbie.

Ma il termine senza gabbia non significa esattamente che i polli non si trovano in spazi ristretti. Ecco uno sguardo a cosa significa, rispetto ad altri standard di benessere degli animali, inclusi quelli di cui alla Prop. 2.

Che cos'è una gabbia della batteria?

Le gabbie delle batterie sono involucri molto angusti che vengono utilizzati da almeno il 90% dei produttori di uova negli Stati Uniti per aumentare la produzione e prevenire la diffusione di malattie. Impediscono anche ai polli un comportamento naturale, come sbattere le ali o appollaiarsi.

Queste gabbie, che di solito contengono diversi uccelli, danno un minimo di 67 pollici quadrati per uccello, secondo lo standard industriale stabilito dalla United Egg Producers. Ciò significa che le galline trascorrono la loro vita schiacciate accanto ad altri uccelli in uno spazio più piccolo delle dimensioni di un iPad o di un foglio di carta da 8½x11 pollici.

I polli allevati per la loro carne sono generalmente tenuti in gabbie in batteria per prevenire lesioni da altri polli, il che può diminuire il loro valore abbastanza da farti capire perché le gabbie sono considerate disumane.

Cosa significa senza gabbia?

La risposta breve è che il termine senza gabbia significa che gli uccelli non sono stati allevati in gabbie in batteria. Ma ciò non significa che non siano tenuti in recinti. E inoltre non garantisce che i polli abbiano accesso all'aria aperta. Gli uccelli senza gabbia hanno solo molto più spazio e relativamente parlando.

Secondo lo standard del settore, ogni uccello senza gabbia deve ottenere da 1 a 1 e frac12 piedi quadrati (da 144 a 216 pollici quadrati), a seconda del tipo di sistema, compresi i grandi granai a più livelli. Non sembra molto più delle gabbie in batteria, ma gli uccelli sono in grado di camminare, deporre le uova nei nidi e allargare le ali, secondo la Humane Society degli Stati Uniti. Eppure la libertà dalle gabbie è ancora lontana dalle condizioni di vita lussuose, affermano gli animalisti.

"Si tratta di un miglioramento sostanziale, ma non significa necessariamente che vivano in condizioni idilliache", afferma Paul Shapiro, vicepresidente della protezione degli animali da allevamento presso la Humane Society degli Stati Uniti. &ldquoCage free non significa cruelty free.&rdquo

Uova senza gabbia, a San Francisco, California, il 25 settembre 2008. Craig Lee/The Chronicle

Quali sono le regole ai sensi della Prop. 2 della California?

Secondo la Prop. 2, un pollo deve essere in grado di allargare le ali e allungare gli arti senza colpire la gabbia o un altro uccello. La legge non specifica una certa quantità di spazio, ma si stima che sia di circa 216 pollici quadrati per uccello.

Quali sono le regole per le uova biologiche?

Il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti ha recentemente proposto norme sul benessere relative alla carne e al pollame biologici certificati. Gli standard per lo spazio interno sono gli stessi di quelli senza gabbia, ma a ogni animale devono essere concessi 2 piedi quadrati per uccello all'aperto.

In altre parole, lo spazio esterno può essere solo un portico chiuso con un pavimento in cemento, che è quello che hanno molte operazioni biologiche su larga scala. Secondo queste nuove linee guida &mdash che stanno attraversando il processo di approvazione &mdash dovrebbe essere per metà terreno e non sotto un tetto fisso.


Regolamenti deboli = peggio per gli animali

L'amministrazione Trump potrebbe presto rendere i cosiddetti metodi di macellazione "umani" ancora più difficili da monitorare.

Nel settembre 2018, l'amministrazione ha introdotto nuove norme che consentirebbero ai dipendenti dei macelli di supervisionare le ispezioni senza essere obbligati a seguire una formazione. Le nuove normative aumenterebbero anche la velocità della linea per accelerare la produzione. Ciò potrebbe non solo portare a maggiori problemi di sicurezza, ma anche a un trattamento peggiore per i suini.

Un certo numero di marchi di carne commercializzano la loro carne come "8220umano".” Whole Foods Market, ad esempio, ha costruito una narrativa pittoresca attorno alla provenienza della sua carne. I negozi del supermercato e il sito web mostrano animali che vivono in campi erbosi come parte del suo programma di certificazione del benessere degli animali in 5 fasi, che afferma “incoraggia e premia agricoltori e allevatori a migliorare le loro pratiche di benessere.La sua carne è anche “Certified Humane” nell'ambito della Global Animal Protection, un'organizzazione no-profit che cerca di migliorare il benessere degli animali da allevamento a livello globale.


Passaggi referendari per l'agricoltura senza gabbie del Massachusetts

In una notte in cui i liberali occidentali hanno subito una battuta d'arresto di circa 200 anni, c'è stato almeno un punto luminoso attraverso il referendum sull'agricoltura senza gabbie del Massachusetts. Il referendum richiede che tutto il maiale, il vitello e le uova allevati e venduti nello stato provengano da bestiame che non è confinato in gabbie ultra restrittive. Il provvedimento, approvato con un enorme 78 per cento dei voti, è tra le iniziative più progressiste del suo genere. E, a seconda che la contea inizi a mostrare compassione per qualsiasi cosa nei prossimi quattro anni, potrebbe innescare una catena di referendum simili anche in altri stati.

Conosciuto come domanda 3 sulla scheda elettorale, il referendum sull'agricoltura senza gabbie del Massachusetts protegge gli animali da gabbie note come gabbie in batteria, quarti angusti che danno alle galline meno di un foglio di carta di spazio per muoversi e obbligano il bestiame a vivere in sistemazioni ragionevoli che forniscono loro più spazio per muoversi. Facendo un ulteriore passo avanti, il provvedimento vieta anche la vendita di prodotti zootecnici provenienti da allevamenti e altri stati non conformi alla nuova legge del Massachusetts. La legislazione del Massachusetts senza gabbie entrerà in vigore nel 2022.

Questa vittoria per gli attivisti per i diritti degli animali segna un grande passo avanti nel movimento senza gabbie, che ha ottenuto il sostegno di giganti del cibo come McDonald's e Sodexo nel 2016 mentre si impegnavano a liberarsi dalle gabbie con la loro scorta di uova nei prossimi anni. La maggior parte delle organizzazioni sta optando invece per gabbie arricchite che forniscono alle galline più spazio per muoversi e meno compagni di gabbia. Il verdetto non è ancora chiaro se le gabbie arricchite, note anche come gabbie arredate, siano o meno un miglioramento rispetto alle normali gabbie in batteria. Ma secondo a Fortuna articolo sull'allevamento senza gabbie, avere polli e galline completamente ruspanti può effettivamente essere dannoso per la loro salute. La Coalition for Sustainable Egg Supply ha condotto una ricerca secondo cui le galline potrebbero effettivamente soffrire di una salute peggiore e più casi di aggressione da parte dei loro compatrioti più dominanti. In questo contesto, le gabbie arricchite possono effettivamente fornire un po' di respiro per il bestiame che lo mantiene più sicuro di una struttura completamente senza gabbia. Inoltre, questo impedisce agli animali di rimanere a terra, riducendo la loro esposizione a parassiti e batteri presenti nei loro stessi escrementi.

Quindi, anche se al momento sembra che siamo irrimediabilmente fottuti nelle mani di un Cheeto inesperto di un presidente eletto, almeno ci saranno uova di origine più etica in Massachusetts. Oh, e marijuana ricreativa.


I produttori di uova esitano sugli investimenti senza gabbie

Nell'ultimo anno, molte grandi aziende alimentari come Wal-Mart, General Mills e McDonald's si sono impegnate a procurarsi le uova da galline allevate a terra nei prossimi anni.

Ciò ha esercitato molta pressione sui produttori di uova affinché abbandonino le loro gabbie, il che significa costi più elevati. Le nuove attrezzature sono costose e anche i costi di manodopera e mangime aumentano.

Nonostante l'ondata di aziende che abbandonano le gabbie, quelle uova premium semplicemente non si vendono bene. E questo sta facendo esitare i produttori a investire in sistemi senza gabbie.

Ultime storie sul Marketplace

La situazione è un capovolgimento rispetto a quanto osservato dagli analisti lo scorso anno a seguito di un'epidemia di influenza aviaria, che è costata ai produttori oltre 30 milioni di uccelli che depongono le uova. Ne seguì una carenza di uova e i prezzi aumentarono, tanto che la differenza di prezzo si è ridotta tra le uova generiche e quelle solitamente molto più costose senza gabbia.

"In realtà ci sono stati momenti durante l'anno scorso, durante i picchi di prezzo, in cui le uova senza gabbia erano in realtà più economiche al dettaglio rispetto all'uovo generico", ha affermato Brian Moscogiuri, analista del mercato delle uova presso Urner Barry.

Moscogiuri ha affermato che, di conseguenza, molti consumatori hanno temporaneamente scambiato uova senza gabbie.

Ma gli stormi sono rimbalzati in modo significativo dall'epidemia di influenza aviaria. E i produttori di alimenti hanno modificato le loro ricette per utilizzare meno uova o sostituti delle uova, il che ha ridotto la domanda di uova.

Ora i prezzi delle uova convenzionali sono diminuiti considerevolmente, rendendo ancora una volta costose le uova senza gabbia. Moscogiuri ha detto che i consumatori hanno preso atto.

"Ora entrano in un negozio e in alcuni casi puoi comprarne un paio di dozzine per meno di un dollaro", ha detto. “Hai intenzione di pagare ancora $ 2- $ 3 per le uova senza gabbia? Le vendite di uova senza gabbia stanno soffrendo”.

I cambiamenti hanno spinto alcuni produttori a ritardare o addirittura annullare i loro ordini di apparecchiature senza gabbie da Big Dutchman, un fornitore leader di alloggi senza gabbie.

"Se i loro clienti non prendono le uova senza gabbia, devono semplicemente tirarsi indietro", ha affermato Terry Pollard, vicepresidente senior dei sistemi di uova di Big Dutchman. “Solo gestire un buon affare ti dirà di non produrre quei tipi di uova in grandi quantità, perché perderai denaro.”

Pollard ha affermato che la bassa domanda di uova senza gabbie significa che alcuni produttori devono rivolgersi al mercato delle uova generiche per sbarazzarsi del loro inventario senza gabbie, vendendo quelle uova premium in cartoni per uova generici a un forte sconto.

La situazione fa sì che Pollard e altri nel settore si chiedano quanta domanda da parte dei consumatori ci sia davvero per le uova senza gabbia.

In un recente viaggio a Kowalski's, un negozio di alimentari a St. Paul, nel Minnesota, l'acquirente Amy Toonen ha affermato di acquistare solo uova biologiche o senza gabbie. Ha detto che suo figlio di 4 anni va in un asilo nido che tiene libere le galline in un cortile, e vuole comprare uova da galline allevate in modo simile.

Ciò significa ignorare il divario di prezzo tra uova generiche e uova senza gabbia. “Non guardo nemmeno,” disse. “Non voglio saperlo.”

Ma l'acquirente Betsy Reveal ha respinto le uova senza gabbia da $ 4, optando invece per una dozzina di uova convenzionali per circa $ 1.

"Sono molto più attenta al prezzo di qualsiasi altra cosa", ha detto.

Quanti altri consumatori preferiscono anche l'opzione più economica? Questa è una grande domanda per i produttori di uova, anche se molte grandi aziende alimentari mirano a fare tutto senza gabbie.


Mangiare fuori? Ci sono buone probabilità che le tue uova non siano libere da gabbie

Un recente sondaggio mostra che molti ristoranti devono ancora acquistare uova senza gabbia.

Nel 2016, siamo stati entusiasti di segnalare che Sysco Corporation, il più grande distributore di alimenti degli Stati Uniti, aveva annunciato un piano a lungo termine per adottare uova senza gabbie in tutti i loro prodotti e catene di distribuzione. Molti cuochi casalinghi erano ansiosi di godersi le uova che non erano state prodotte con la forza da polli infilati in gabbie strette, e i nostri redattori speravano che l'audace affermazione di Sysco avrebbe ispirato altri ristoranti e produttori a seguire l'esempio.

Ma un nuovo sondaggio suggerisce che l'industria alimentare è stata lenta nel seguire l'esempio di Sysco, compresi i ristoranti che in precedenza avevano affermato che avrebbero iniziato a utilizzare uova senza gabbia.

Rimani aggiornato su cosa significa sano ora.

Un gruppo senza scopo di lucro per il benessere degli animali ha monitorato le aziende americane e se hanno mantenuto le promesse di uscire dalle gabbie, e molti hanno rifiutato di rivelare se avevano apportato il cambiamento, Bloomberg rapporti. La compassione nell'agricoltura mondiale&aposs rapporto annuale, chiamato EggTrack, mostra che solo 27 aziende leader su 100 intervistate avevano qualcosa di positivo da condividere sui progressi del 2014 e una delle principali aziende che hanno fatto progressi è stata Hyatt Hotels.

Secondo quanto riferito, il Waldorf Astoria, Conrad, Canopy by Hilton e DoubleTree by Hilton sono passati all'utilizzo esclusivo di uova senza gabbia, ha detto il marchio Hilton Bloomberg, nonostante sia elencata come azienda "non ha segnalato" nel rapporto non profit&apos.  

Shake Shack guida l'industria del fast-casual nell'utilizzo di uova senza gabbie nei loro prodotti, dopo aver fatto la promessa nel dicembre 2015, le uova per la colazione servite nelle loro 117 sedi negli Stati Uniti sono state libere da gabbie, ha detto Jeffrey Amoscato, dirigente di Shake Shake Bloomberg.

Maggiori informazioni sui prodotti ruspanti e perché sono speciali:   

Ma sorgono sfide anche per coloro che utilizzano uova senza gabbia. I singoli ingredienti, come la polvere di albume d'uovo Shake Shack&aposs per il suo soffice marshmallow, potrebbero ancora essere realizzati con uova che are&apost prodotto al di fuori delle gabbie. Amosacato ha detto Bloomberg che Shake Shack ha contattato oltre 100 panifici per garantire che la loro catena di approvvigionamento utilizzasse esclusivamente uova senza gabbia.

Secondo il rapporto, le aziende che non hanno iniziato a utilizzare uova senza gabbia includono Kellogg&aposs (che recentemente ha subito un'epidemia di salmonella su larga scala collegata a Honey Smacks) Mars Inc. e McDonald's, che in precedenza aveva fissato una scadenza per l'utilizzo di uova senza gabbia. in tutti i suoi pasti entro il 2025.

Compassion in World Farming, l'organizzazione no profit responsabile del sondaggio, ha detto Bloomberg che le aziende elencate come non utilizzanti uova senza gabbia non hanno fornito informazioni all'organizzazione per dimostrare il contrario. Ma Katya Simkhovich, la direttrice del settore alimentare dell'organizzazione no-profit, ha detto che spera che questo rapporto ottenga entrambe le società e i loro fornitori per iniziare a pensare di fare il passaggio.  

𠇌i deve essere un ritmo nell'approvvigionamento da parte dell'azienda in modo che il lato produttore possa effettuare la transizione,”, ha detto. “INon è nemmeno da un giorno all'altro per loro.”


Perché le aziende impiegano così tanto tempo per passare alle uova senza gabbia?

Nella più grande catena di fast food del mondo, porre fine all'uso delle uova deposte dalle galline in gabbia sarà un processo di 15 anni.

Subway ha detto lunedì che passerà la sua intera fornitura a uova senza gabbia entro il 2025. L'annuncio rende il gigante dei panini il più grande ristorante che abbia ancora adottato la scadenza di 10 anni, che è stata messa sotto i riflettori dopo che McDonald's ha fatto un impegno identico a Settembre.

Subway ha detto cinque anni fa che avrebbe eliminato gradualmente l'uso di uova da galline in gabbia, ma non ha offerto alcuna tempistica per quando avrebbe effettuato il passaggio. Il nuovo annuncio, che interesserà le circa 30.000 sedi dell'azienda negli Stati Uniti e in Canada, offre una scadenza fissa, anche se generosa.

"Ai clienti della metropolitana di tutta Europa vengono servite solo uova di galline allevate a terra e in Australia vengono servite uova di galline libere da gabbie", ha dichiarato in una nota Elizabeth Stewart, direttore della responsabilità sociale delle imprese di Subway. “Le principali modifiche al menu come questa richiedono tempo, ma terremo aggiornati i nostri clienti in ogni fase del processo mentre lavoriamo diligentemente con i nostri fornitori per raggiungere i nostri obiettivi. Poiché sempre più catene si uniscono al loro impegno, vogliamo che i clienti ricordino che hai il nostro".

Altre grandi aziende alimentari hanno fissato scadenze più aggressive. La scorsa settimana, Nestlé, il più grande produttore alimentare del mondo, si è impegnata a utilizzare allevamenti senza gabbie per fornire i 20 milioni di libbre di uova che utilizza negli articoli venduti negli Stati Uniti in soli cinque anni. Starbucks e Panera, uno dei più accaniti rivali di Subways nello spazio dei sandwich, hanno entrambi promesso di uscire dalle gabbie entro il 2020.

Le catene più piccole hanno adottato obiettivi ancora più aggressivi. Taco Bell ha promesso il mese scorso di utilizzare solo uova senza gabbia nelle sue quasi 6.000 sedi nordamericane entro il prossimo anno. La catena di prodotti da forno Au Bon Pain, che ha poco più di 300 punti vendita in tutto il mondo, ha promesso nel 2013 di eliminare le uova delle galline in gabbia dalla sua catena di approvvigionamento entro il 2017.

La scadenza promessa di Subway è in linea con altre importanti catene di ristoranti come TGI Fridays e Jack in the Box, e con produttori alimentari come General Mills e Kellogg.

Allora, perché una tempistica così lunga per fare il cambiamento?

Il problema potrebbe essere che semplicemente non ci sono abbastanza uova deposte da galline libere dalla gabbia. Secondo il gruppo industriale United Egg Producers, solo il 4,5% dei quasi 7,5 miliardi di uova prodotte negli Stati Uniti a settembre proveniva da galline allevate a terra.

"Questi impegni da parte di giocatori come McDonald's o Nestlé sono più che altro per segnalare all'industria delle uova che è tempo di riadattare tutte le stalle e passare alla produzione di uova senza gabbie", David Coman-Hidy, direttore esecutivo dell'organizzazione no profit per il benessere degli animali The Humane League, ha detto domenica all'Huffington Post per telefono. "Quel momento è arrivato."

Aziende come Nestlé - che utilizza le uova nei suoi piatti per la colazione Lean Cuisine e l'impasto per biscotti Toll House - possono passare più rapidamente alle uova senza gabbia perché possono scambiare altri ingredienti con le uova nelle ricette di cottura. Da McDonald's o Subway, dove le uova sono insostituibili nei panini per la colazione e nelle focacce, la conversione della catena di approvvigionamento richiederebbe probabilmente aumenti dei prezzi sul menu per compensare il costo delle uova più costose. Ogni anno McDonald's acquista circa 2 miliardi di uova negli Stati Uniti e 120 milioni in Canada. Subway non ha risposto immediatamente alle domande su quante uova utilizza.

Le galline che depongono le uova in squallide gabbie in batteria non possono allargare le ali e nemmeno camminare. Ma le uova c senza età non sono necessariamente prive di crudeltà. Gli allevamenti senza gabbie possono ancora tenere le galline ammassate in stalle buie e senza finestre. Le pratiche industriali comuni consentono agli uccelli senza gabbia di vedersi recidere il becco o di essere costretti per fame a perdere le piume.

Ma regole vaghe su ciò che è necessario per chiamare qualcosa un uovo ruspante o al pascolo rendono le uova senza gabbia la soluzione più umana per scalare in grande stile.

"È misurabile e facile da confermare senza un processo di auditing davvero faticoso", ha detto Coman-Hidy, che ha lavorato alla Subway quando aveva 13 anni e ha fatto una campagna per le uova senza gabbia sin dal college. "Una fattoria o usa gabbie per batterie o no, non c'è spazio di manovra".

Coman-Hidy ha affermato che il prossimo passo per il movimento senza gabbie sarà fare pressioni sulle catene di supermercati per eliminare tutte le uova senza gabbia dai loro scaffali.

"Le persone sono contrarie alle gabbie e votano in modo schiacciante per vietarle quando hanno una scelta", ha detto Coman-Hidy. "È tempo che i supermercati lo riflettano".

Ma questo cambiamento, come qualsiasi altro nel settore delle uova, richiederà tempo.

"Speriamo di vedere un cambiamento nel prossimo anno o due", ha detto Coman-Hidy. "In grande stile".


Panera Bread ha appena lanciato una grande sfida ad altre aziende di fast food

Pochi mesi dopo aver annunciato che sta rimuovendo ingredienti artificiali e antibiotici dal suo cibo, Panera Bread fa un ulteriore passo avanti nella sua ricerca per migliorare il suo cibo: la catena di fast food si impegnerà anche per il benessere degli animali.

Come parte di questa nuova iniziativa, Panera Bread afferma di voler ridurre il confinamento lungo la sua catena alimentare, il che significa che entro la fine del 2015 i maiali gravidi saranno liberi dalle casse e le mucche allevate per la carne bovina saranno nutrite per l'89 percento con erba e per il 100 percento libere. anche gamma. L'azienda, che utilizza ogni anno 120 milioni di uova nei suoi piatti e prodotti da forno, prevede inoltre di liberare tutte le sue galline ovaiole entro il 2020. Inoltre, tutti i suoi polli e tacchini saranno allevati senza antibiotici dalla fine anno.

La catena ha affermato che sta assumendo questo impegno come parte di un'iniziativa più ampia che sta accadendo da più di un decennio. "Anche se c'è più lavoro da fare, siamo alla portata di un menu senza antibiotici e confinamento non necessario", ha affermato il CEO Ron Shaich. "Ci impegniamo per la trasparenza, il che significa condividere dove siamo e dove intendiamo andare. Incoraggiamo altre aziende a unirsi a noi condividendo in modo trasparente i loro progressi".


McDonald's annuncia il passaggio a uova senza gabbia nel prossimo decennio

McDonald's ha annunciato che si sposterà verso la vendita solo di uova senza gabbie negli Stati Uniti e in Canada, sperando di essere completamente libere dalle gabbie entro il 2025. La decisione rappresenta un grande cambiamento per la catena di fast food, che attualmente acquista solo circa 13 milioni di uova senza gabbia all'anno, una piccola percentuale dei 2 miliardi di uova che usano ogni anno, secondo l'Associated Press.

Scavare più a fondo nei numeri rende la proposta ancora più scoraggiante. Secondo il New York Times, gli Stati Uniti producono 43,56 miliardi di uova ogni anno, il che significa che i 2 miliardi di McDonald's richiesti costituiscono il 4% del consumo totale. E ora che il gigante degli hamburger ha annunciato di voler servire la colazione tutto il giorno, si prevede che questi numeri saliranno ancora di più. Nel frattempo, meno del 10% di tutte le galline sono attualmente libere dalla gabbia. È facile vedere come l'istituzione del cambiamento potrebbe richiedere un decennio.

Ma i sostenitori della nuova politica credono che avere un enorme consumatore come McDonald's senza gabbie accelererà effettivamente il processo in tutto il paese. "È un vero momento di svolta", ha detto all'AP Paul Shapiro, vicepresidente della protezione degli animali e delle fattorie per la Humane Society. “I Rende più chiaro che mai che le gabbie non hanno un futuro nell'industria delle uova.”